Luce sugli “UFO” della Garbatella del 1 giugno 2014

“I FATTI, le ANALISI, le CONSIDERAZIONI… i PALLONCINI”
di
Tiziano Farinacci e Alessandro Novelli

I FATTI
I primi giorni dello scorso giugno, ci imbattiamo in una curiosa notizia.
Il 1° giugno 2014, in quel della Garbatella (quartiere storico di Roma), è stata avvistata e filmata una flotilla di UFO.

Il tutto sarebbe avvenuto durante una conferenza intitolata “UFO: Viaggio nella storiografia dei contatti tra terrestri ed extraterrestri“, organizzata da Danilo Iosz e Massimiliano Buttarelli (componenti del GSR-Gruppo Skywatcher Romano) con il/la patrocinio/connivenza dell’VIII Municipio di Roma (ospite il noto ex ufologo, ormai alienologo, Maurizio Baiata).
Tra i vari testimoni, a dare l’allarme di quanto accadeva (e autore del video che ha riscosso virale diffusione) è stato l’emergente “avvistatore seriale” Fabrizio Mollicone (detto Fabrizio Molly) che sottolineava quanto osservato come un “passaggio di fratelli” (del filone new-age ufologico contemporaneo “Fratelli di luce”).

Di seguito il video pubblicato in quel di Youtube:

Dal racconto del Mollicone, l’input a scrutare il cielo della Garbatella in cerca di eventuali anomalie, sarebbe stato indotto da un presentimento del Buttarelli circa possibili eventi fuori dall’ordinario.
Il nostro approccio riguardo al fenomeno, presa visione del filmato, è stato da subito piuttosto scettico, in quanto non abbiamo minimamente ravvisato gli estremi per un interpretazione ultraterrena di quanto ripreso dai sopracitati interpreti, ma l’esporre (in quel della pagina Facebook di Maurizio Baiata) le nostre considerazioni in merito ha provocato reazioni indignate, con conseguenti bannaggi/insulti e provocazioni.
In seguito a ciò, abbiamo deciso di presentarci di persona a costoro, una volta appreso del verificarsi di un nuovo convegno, in quel dell’Hotel ROUGE at NOIR (7 giugno 2014) riservato ad altre tematiche (sviluppate da Pablo Ayo e Maurizio Baiata) in cui sarebbe stato promosso il filmato a quanti accorsi per l’occasione, al fine di disquisire ed esporre le nostre considerazioni al riguardo.
In quell’occasione il Mollicone ha mostrato il video (tacitando l’audio), enfatizzando la veridicità del fenomeno puntando sul numero di visualizzazioni in quel di Youtube (in quel momento 45000), sulla perfezione delle figure geometriche rappresentate dagli UFO in volo e dalla luminosità “propria” degli oggetti stessi…
Quando abbiamo preso la parola, concessaci gentilmente dal Baiata, abbiamo tentato di evidenziare quanto irrilevante fosse il numero di visualizzazioni ottenute dal video, quanto inevitabile fosse scorgere figure geometriche unendo punti sparsi nel cielo (3 punti=triangolo, 4 punti=quadrilatero ecc.), come l’andamento degli oggetti fosse compatibile con i venti prevalenti quel pomeriggio (quadrante nord) e come l’atteggiarsi di tali oggetti fosse identico a quello di altri filmati già presenti (e noti dalla ricerca ufologica) in rete, rappresentanti il volo di banalissimi palloncini (gioia di molti bambini).
Le nostre fondate considerazioni sono state accolte con nuova indignazione, provocando una bagarre illogica, alla stregua di opinioni “assurde” e prive di fondamento, sfidandoci a portare prove a supporto, nonché l’impegno del Mollicone (sollecitato dal Baiata) a fornirci il video “originale” di quanto ripreso per eventuali analisi.
L’epilogo dell’accesa controversia ha visto l’ottimo e lucido intervento dello stimato ricercatore Carlo Rofena a rafforzare il nostro pensiero:

Come avrete potuto constatare, il parere espresso dal Rofena (a suffragare quanto da noi esposto in precedenza) ha scatenato l’indignazione da parte dei vari esponenti del GSR, con l’abbandono della sala da parte del Mollicone, il “dispiacere” dello Iosz per aver dovuto ascoltare un parere divergente dal proprio, nonchè il ricorrere del Baiata a problemi di “semantica” e dell’Ayo nel ripiegare sul sempre utile “la verità sta nel mezzo”.Nonostante le ripetute richieste del video “originale”, promessoci (come detto in precedenza) dai vari esponenti a supporto dell’ipotesi UFO, al fine di permetterci un’analisi del materiale per mano di chi esperto in materia, abbiamo riscontrato la disponibilità all’invio del Mollicone, bloccata in zona cesarini dallo Iosz, per permettere loro di proteggere il video con copyright(?). Questa dinamica non ha fatto altro che allungare ulteriormente i tempi, permettendoci di ricevere il controverso video soltanto 2 settimane dopo (tempo che ha permesso loro di spammarlo ovunque, completo di “interpretazione e analisi prive di effettivi riscontri credibili”).
Ricevuto l’agognato video abbiamo appreso della limitazione impostaci nell’utilizzo dello stesso, in basso il filmato presentava infatti la scritta “IL PRESENTE VIDEO E’ CONCESSO IN VISIONE ESCLUSIVA AL SIG. TIZIANO FARINACCI E NON E’ CEDIBILE A TERZI. Copyright FABRIZIO MOLLICONE”. (immagine a riprova)
Non essendo nemmeno il Farinacci fototecnico o tecnico-video, sebbene lo stesso mostrasse spunti di riflessione piuttosto chiari e riconoscibili in merito all’effettiva natura degli UFO ripresi dal video, abbiamo perseguito la ricerca della professionalità (a tutti i costi) decidendo di contattare il possessore dei diritti video (Fabrizio Mollicone) con l’intento di ricevere l’autorizzazione alla nostra richiesta di poter sottoporre il filmato alle analisi di un tecnico professionista in materia. Richiesta accolta.
Successivamente abbiamo dunque inviato il video al Sig. Paolo Bertotti, Fototecnico e analista CISU (Centro Italiano Studi Ufologici), ricevendo in breve tempo la seguente analisi:
LE ANALISI (di Paolo Bertotti) (pdf)

LE ANALISI VIDEO DEI PALLONCINI DELLA GARBATELLA – 1 Giugno 2014 (di Paolo Bertotti)

Video INTEGRALE STABILIZZATO

INGRANDIMENTI

C.S.I. ZOOM

LE NOSTRE CONSIDERAZIONI
Da “Ufofili” impenitenti notiamo che certa ufologia va avanti trainata più da sogni, bisogni, speranze che non da ricerca razionale, sfociando spesso nell’impostura, nel falso, nella truffa, pescando sì nei bisogni, nei sogni e nelle speranze, parte del nostro essere, ma senza dichiarare le favole come favole, i sogni come sogni, le speranze come speranze. Sostanzialmente, certa ufologia, perpetra un danno, piuttosto che aprire nuovi orizzonti (malgrado il loro millantare verità), campa alle spalle dei creduloni, dei deboli, di chi attraversa un periodo difficile… alla stregua di maghi e ciarlatani… sfrutta bisogni umani in modo anti evolutivo, connotando credenze e superstizioni in ambito ufologico, con finalità spesso bieche se mistificate in nome di imprecisate verità che spesso altro non sono che ritorni editoriali, ego personale, redditi da banner e conferenze, nonché, fatto assai importante, per alimentare la dissonanza cognitiva dei “burattinai” di turno.
Quello che si cerca di dire è che, sebbene il nostro bisogno di credere, di sognare e di sperare, sia qualcosa con cui ognuno di noi si confronta giornalmente ed esiste, debba avere comunque un limite. I limiti, semplificando, sono tranquillamente riconducibili a certa idolatria per palesi “non fenomeni” ricondotti invece a manifestazioni  pseudo ufologiche, come apparizioni  di presunte entità “Fratelli di luce”… una sorta di degenerazione “pop art” della spiritualità, ove più del fenomeno, notate bene, conta l’atteggiamento riconducibile allo stesso.
E’ in atto un tiro alla fune tra questa nuova (relativamente) religione e chi tenta di demistificarla in quanto priva di qualsiasi fondamento, non solo concreto (elemento simile a tutte le religioni) ma perfino culturale o semplicemente del buon senso (Diligenza del buon padre di famiglia). Davanti ad affermazioni di grandi Teologi, padri della chiesa, così come davanti a quelle di grandi filosofi atei o antichi, o di chiunque abbia concorso all’evoluzione culturale dell’uomo, è possibile interrogarsi, è possibile dibattere. Con l’avvento della New Age ufologica, di stampo mistico-delirante, ci troviamo davanti ad affermazioni puerili, inutili, palesemente false, fantascientifiche non letterarie, risibili e ridicole. In una parola, sottocultura. Una sorta di sciamanesimo che condanna popolazioni isolate a risposte precostituite per ogni evento, anche naturale… condanna alla foglia di fico con arco e frecce, in nome del “potere” personale del santone, per discendenza o per portafoglio “click” (cd pensiero primitivo, precursore di quello religioso).
Il discorso circa le credenze e le superstizioni, che in base al periodo storico ed al sostrato sociale e culturale, si atteggiano e concretizzano in entità piuttosto che altre (Ad esempio, dall’entità di Fatima dai messaggi apocalittici… entità ricondotta alla Madonna per cultura imperante e dai messaggi apocalittici nel travaglio della prima guerra mondiale, ai banali messaggi di monito antiatomico, ecologista e peace and love, provenienti da sedicenti extraterrestri spiritualmente evoluti, del contattismo post seconda guerra mondiale) sarebbe piuttosto interessante. Purtroppo ci troviamo di fronte a due limitazioni:

  • L’ufologia contemporanea ci inchioda a dover demistificare fatti assolutamente inconsistenti e dunque ci condanna spesso alla satira.
  • Il coinvolgimento di molte persone è riconducibile, anche se in minima parte, a patologie. Per la restante al sistema di credenze e superstizioni nonché attività economica.

Davanti a queste limitazioni un “ufofilo” dovrebbe fermarsi e lasciare a chi di competenza (Sociologi, psicologi, psichiatri, antropologi, magistratura, etc) il prosieguo dell’indagine. Tuttavia riteniamo che il caso trattato, i palloncini della Garbatella, pur nella sua spicciola consistenza, sia comunque utile a chiarire certe dinamiche ufologiche in atto, nel massimo rispetto di chi incappa in certa ufologia per patologie e per credenze e superstizioni consolidate dall’ambiente in cui vive (che spesso producono effetti patologici in soggetti non affetti da patologia alcuna) senza esercitare il mestiere di qualcun altro. Ci rivolgiamo a chi è fuorviato dalla mala informazione di cui certa ufologia, o più in generale “misterologia”,  si fa operosissima paladina al fine di completare un sistema informativo piuttosto di parte (se non becero), ben sintetizzato nell’espressione “Conoscenza a senso unico”,  in modo che abbia più elementi possibili per crearsi un’opinione, qualsiasi essa sia (Formazione critica delle opinioni).
Davvero difficile tacere, davanti ad un’ufologia che litiga e si scalda difendendo e cercando di conquistare mutuati e paganti come “Tersilli” in piena forma…
Chiudiamo con ulteriori riflessioni:

  • Gli sposi sono poi probabilmente partiti per il viaggio di nozze.
  • Il video è circolato in modo virale come avvistamento di flotilla ufo ed è giunto a noi in versione manipolata dopo riunione del consiglio direttivo (riunito all’Ergife) del GSR
  • Abbiamo speso tempo e denaro (convegno a pagamento etc.)
  • Fabrizio Mollicone non ha guadagnato nulla da questa storia e non abbiamo motivo di non credergli, vista anche la collaborazione trasparente che ha intrattenuto con noi tramite colloqui telefonici a differenza del General staff GSR.
  • Danilo Iosz ha ottenuto visibilità ostacolando, a differenza di quanto affermato in pubblico, la ricerca della “scomoda” verità tramite censure, ban, etc.

Pablo Ayo e Maurizio Baiata hanno cavalcato l’evento monetizzando la partecipazione al convegno delle persone interessate al filmato dei palloncini (es. amici di Molly, noi, etc.), evitando di prendere una posizione netta sull’avvistamento, per non deludere, dunque infierendo di fatto su di una platea incline alla superstizione piuttosto che al ragionamento critico, illudendo anche Mollicone della sua straordinarietà, che come abbiamo visto tale non è… e non dovrebbe esserlo agli occhi di un “ex ufologo” di vecchia data come Baiata ed un analista di avvistamenti ufologici (perfino in TV) come Ayo.

Altre meritevoli considerazioni al riguardo:
Photobusterhttp://photobuster.blogspot.it/2014/07/ufo-lovers.html
UFO of Interest: http://www.ufoofinterest.org/2014/07/07/cala-l-oscurit%C3%A0-sui-fratelli-di-luce-della-garbatella/


**********************************

Aggiornamento Settembre 2014:
In seguito alla condivisione online della nostra indagine e delle analisi svolte in team “Italian Research/PhotoBuster/UFO of Interest“, l’atteggiamento del GSR (Gruppo Skywatcher Romano) è stato inizialmente di mutismo bilioso, successivamente di replica ancor biliosa ma completa di “analisi” utili a comprendere il livello (o dislivello) tecnico/intellettuale con cui abbiamo avuto a che fare, messo ancor più in evidenza dall’ottima controreplica dell’ottimo Fozzillo.
Consigliamo vivamente la lettura (anche) di quest’ultimo capitolo della vicenda al seguente LINK

**********************************

Comunicato IR / Maggio 2017:
“Dopo quasi tre anni, rintanati come topi (o sorci) nel loro gruppetto chiuso denominato “GRUPPO SKYWATCHER ROMANO (G.S.R.)”, i fuffologi della Garbatella si leccano le ferite (di cui abbiamo tre diapositive) in seguito alla maestosa/epica/tonante figura di merda in cui si imbatterono in quel Giugno/Luglio 2014…” CONTINUA

_______________________________________

Fonti: “Hilary EvansGuardiani Cosmici“, “Armando De VincentiisPsicopatologia del paranormale“, Youtube (Fozzillo, Ufologando, Retenews24)
(riproduzioni fotografiche degradate ed utilizzate a fini educativi- Art.10 Convenzione di Berna)

[Per pubblicare gli articoli e le immagini presenti su ITALIANRESEARCH.it è necessario citare la fonte e l’autore].