IFO-FLASH friulano

“Di cui NON abbiamo una diapositiva!”
di 
Tiziano Farinacci e Alessandro Novelli


Luce diurna – Villa Santina/Tolmezzo (UDINE)

Lo scorso 19 Ottobre veniamo contattati dalla Sig.ra Paola che esordisce con un: “[…] Ho bisogno di voi”.
Che dire… lusingati ci mettiamo a disposizione.

Il già citato messaggio fa da cappello ad una serie di file immagine, a detta della Sig.ra Paola scattati lo scorso 15 Ottobre nei dintorni di Villa Santina (zona Tolmezzo, UDINE) che NON possiamo mostrare.
Saprete il perché.

Dunque, esisteva una foto che immortalava un monte di forma (molto relativamente) piramidale con a fianco un’intensa luce bianco-giallastra.
Da subito, lo scatto, pareva mostrare un fenomeno già visto, lo stesso che potremmo ottenere fotografando attraverso un vetro o “facendo una foto ad una foto” (in particolar modo se stampata su carta fotografica “lucida”).
In poche parole, la fonte di luce ricordava un “riflesso di luce“.
Tuttavia, il tipo di riflesso pareva essere, da subito, più coerente con il riflesso di una luce interna, un flash fotografico su un vetro.
A suffragare tale sensazione, altri riflessi (interni all’automezzo) evidenti sullo scatto.
Ma in realtà, un po’ tutta la foto sembrava possedere un alone in superficie tipico degli scatti eseguiti ad uno sfondo filtrato da un vetro.
La Sig. Paola ci aveva confermato che aveva potuto osservare la fonte di luce esclusivamente “dopo” aver effettuato lo scatto e che nel momento in cui veniva scattata la foto si trovava in auto con il marito.
Avevamo ritenuto essenziale chiedere la foto originale, in modo da poter ottenere altre informazioni, foto che la Sig.ra Paola ci aveva gentilmente concesso.

I dati EXIF della foto ci avevano confermato:
– la data dello scatto: 15 Ottobre 2017, poco dopo le ore 14.
– Marca e modello del telefono/camera: ASUS
– Lunghezza focale, esposizione, dimensione immagine, orientamento, risoluzione.
– Ma soprattutto, gli Exif della foto ci avevano confermato la presenza del FLASH nello scatto.

In conclusione: LA LUCE ERA IL RIFLESSO DEL FLASH SUL VETRO DELL’AUTOMOBILE.


Luce notturna – Coseano (UDINE)
La stessa Sig. Paola ci aveva chiesto un parere in merito ad altri 3 scatti da lei eseguiti a Coseano, (UD) la notte del giorno seguente.

Anche qui avevamo richiesto gli scatti originali.
Le anomalie più evidenti erano l’incoerenza tra la sfocatura generale degli scatti e la definizione della luce circolare (presunto UFO) e la sovrapposizione della luce stessa con una tettoiaappariva palese che la fotocamera avesse messo a fuoco una luce su una superficie anteriore allo sfocato paesaggio immortalato (che presentava degli aloni) e si notava un muretto illuminato a zona da una fonte di luce, riconducibile (potenzialmente) ad un Flash.
Avendo a disposizione lo scatto originale avevamo potuto controllare i dati EXIF delle tre foto ottenendo, anche qui, delle conferme:

La data dello scatto: 17 Ottobre 2017, poco prima dell’01:00.
Tra la prima e la terza foto sono passati 5 minuti circa.
Marca e modello del telefono/camera: ASUS
– Lunghezza focale, esposizione, dimensione immagine, orientamento, risoluzione.
– La presenza del FLASH nello scatto.

In conclusione: LA LUCE ERA IL RIFLESSO DEL FLASH SU UNA SUPERFICIE DI VETRO O PLASTICA TRASPARENTE.


Il Vero Caso-tto

I reali interrogativi donatici da questa “analisi-indagine” parevano attribuibili a come, i precedenti “esperti” consultati dalla Sig.ra Paola, avevano affrontato il “Non-Caso”.

Inizialmente la gentile Sig.ra Paola aveva inteso consultare un’altra “sponda”, al fine di comprendere cosa avesse immortalato nel suo scatto diurno in quel di Villa Santina/Tolmezzo (UD).
Le 4/5 pessime foto, costituite dallo scatto principale tormentato da filtri Photoshop (et similia) altro non erano che fantomatiche “anal-isi” eseguite da un tale Ermenegildo Bianchi Paolo Olivari e chissà… forse Corrado Midolo (dipende da come je gira) “esperto” (?) amministratore delle pagine Facebook “Real UFO” & “Real ufo 2”, pagine frequentate da neofiti del tema e soliti-noti “creduloni” in materia.
La foto del “flash diurno” era stata postata da “altri” su una delle pagine sopra citate, provocando orgasmi e cuoricini tra gli astanti frequentatori di tale pagina, infojati di cristici alieni angelici belli e bravi.
L’amministratore della pagina (l’Ermenegildo Bianchi di cui sopra) lo aveva “anal-izzato” con i filtri inutili già decantati, declamandolo con un: “si si è un ufo”.

Considerando che la Sig.ra Paola era palesemente desiderosa di sentirsi dire: “E’ un UFO!” (…perché diceva che li sentiva, che gli trasmettevano sensazioni buone, perché mentre scattava i suoi cani piangevano, perché il giorno dopo qualche fiore si era seccato, perché la foto le ricordava un suo dipinto, perché li attende da trent’anni… ecc.), come mai aveva sentito il bisogno di richiedere un’altra (o altre) analisi?
Forse una risposta c’è.

Quando, qualche giorno fa, abbiamo chiesto il consenso alla Sig.ra Paola di pubblicare gli scatti sul nostro articolo (siamo persone corrette) ci ha risposto facendoci intendere che TUTTO HA UN PREZZO.
Tutto chiaro no?
Dunque, fatevi bastare questo articolo di cui NON abbiamo una diapositiva!

__________________________________________________

Fonti: Facebook

************************
[Per pubblicare gli articoli e le immagini presenti su ITALIANRESEARCH.it è necessario citare la fonte e l’autore].