Obama il 27 novembre 2009 diffonderà tutta la verità sugli UFO?

Urloweb.com intervista a Tiziano Farinacci, ideatore e responsabile esecutivo del sito ufologico italianresearch.it

Il 27 Novembre è una data che rimbalza sul web da molto tempo. Puoi farci una cronostoria delle notizie diffuse dai media riguardo questo caso e rivelarci quali sono le tue impressioni personali?
Tutto “sarebbe” cominciato il 20 ottobre scorso (2009) quando un Ansa “anticipava” che il 27 novembre p.v. il Presidente Obama informerà il mondo riguardo ciò di cui saremmo a conoscenza su eventuali forme di vita non terrestre.

In realtà pare che ci sia stata una causa scatenante questa notizia, quella che dai più è stata definita come una “soffiata” partita durante l’ultimo convegno di Esopolitica tenutosi a Barcellona alla fine del luglio scorso. Le “voci di corridoio” avrebbero poi farcito la news con fanta-dettagli che vedrebbero la presenza (alle rivelazioni di Obama) di “ben sei razze aliene, ET benevoli e non facenti parte delle razze ostili finora conosciute” (?).
A seguito di questa notizia è stato reso noto un estratto (significativo) della lettera accompagnatoria del briefing sugli UFO inviata al presidente Barack Obama, dal Dott. Steven Greer, presidente e fondatore del Disclosure Project nella quale quest’ultimo rivolgeva un appello affinchè il Presidente Obama faccia chiarezza:

  • “sul segreto che circonda l’argomento UFO, e lavori in coordinamento con le altre nazioni per effettuare una rapida divulgazione”;
  • “che il Presidente Obama fermi qualsiasi offensiva nei confronti di target e velivoli spaziali ET ( UFO”);
  • ”che il Presidente Obama, lavorando con gli altri leader mondiali, avvii un aperto e pacifico contatto con queste civiltà extraterrestri”;
  • “che il Presidente Obama si adoperi per diffondere rapidamente sulla Terra le nuove tecnologie di risparmio energetico custodite all’interno dei programmi illegali […], in modo di essere liberati dalla morsa mortale che il petrolio, il gas, il carbone e l’energia nucleare ha sul nostro pianeta;
  • e infine “che il Congresso organizzi audizioni aperte su tali questioni, in maniera immediata”.

Nel contempo, sul diffondersi di questa notizia nella rete, anche i media iniziavano a diffondere l’affascinante news attraverso giornali, radio e tv.

Un ulteriore autorevole affermazione, quella di Padre Funes della Specola Vaticana è sembrata tutt’altro che casuale in questo momento concitato:“Le prove raccolte finora in merito ai dischi volanti sembrano dimostrare con sufficiente certezza che da otto anni la Terra è oggetto di osservazioni da parte di esseri ragionevoli provenienti da un altro pianeta”.
L‘importanza di queste parole, sommate ad alcune anticipazioni precedentemente citate, hanno fatto pensare ad un momento di svolta epocale per la storia del nostro pianeta.
Successivamente però un’ultima ipotesi circolata in rete ha smussato i contorni di questo caso facendo assumere a questa vicenda le sembianze di una beffa… l’ennesima.

La fonte del proclama non proverrebbe dalla Casa Bianca, bensì da un robot, o meglio, un Web Bot, ossia un programma automatico, come spiega Ufo-Blogger.com .
Il Web Bot Project creato da Clif High e George Ure di Halfpasthuman.com, andrebbe a predire gli eventi utilizzando ricerche mirate su Internet ricercando parole (circa 300.000) che hanno un “contesto emotivo” e memorizzando le parole immediatamente vicine a quelle trecentomila. Così facendo il software andrebbe ad attingere all’inconscio collettivo della Rete e quindi sarebbe in grado di prevedere catastrofi e grandi eventi.
Questo sistema avrebbe inanellato alcuni successi ma anche diverse “cantonate”.

In conclusione, la mancata disconferma da parte del Presidente Obama riguardo la voce che vorrebbe nella giornata del 27 novembre il proclama ai popoli della Terra sul tema della vita aliena, appare sempre più come una flebile fiamma in via di spegnimento.
Ritengo che il 27 novembre 2009 non ci sarà alcun proclama.

Tiziano, come nasce italianresearch.it e la vostra passione per gli aspetti della vita extraterrestre?
Il sito italianresearch.it nasce intorno alla fine del 2003 ma non deriva (come si potrebbe immaginare) da un’esperienza diretta del fenomeno. Da sempre l’ipotesi di vita extraterrestre mi ha affascinato, ma dal 2000 ho iniziato a dedicare la gran parte del mio tempo nello studio dell’ufologia e degli accadimenti che l’hanno caratterizzata, in particolare dal 1947 ai nostri giorni.
Con italianresearch.it è nata una voce, una delle tante sul web, con unico obiettivo quello di rendere maggiormente fruibili le informazioni e le novità ufologiche e scientifiche.
Da subito ho avuto la fortuna di essere affiancato in questa passione da altre persone che hanno condiviso con me questa esperienza e che tutt’ora ritrovo al mio fianco, libere di fornire a questa causa la loro esperienza nelle tematiche a loro più confacenti.
Da poco abbiamo rinnovato il sito, nell’aspetto gestionale ed estetico. Questo ha comportato qualche mese di “assenza” negli aggiornamenti. Ma siamo ripartiti con ancor maggiore voglia e convinzione.

Come si sta muovendo il mondo di internet durante questa attesa? Hai notato una maggior partecipazione anche nel tuo portale?
Assolutamente si. Almeno per quel che riguarda italianresearch.it, la notizia in questione ha provocato enorme interesse, facendo triplicare i contatti del nostro portale attraverso i motori di ricerca: Obama, UFO, 27 novembre… sono state chiaramente le parole più digitate nell’ultimo mese.

La vostra è una posizione indubbiamente scettica e scientifica, c’è stato un caso in particolare a cui però non riuscite a dare una spiegazione?
La nostra è una posizione realista. Dunque estremamente aperta ad ipotesi non convenzionali. Riteniamo che l’ipotesi di vita aliena al di fuori del nostro pianeta sia estremamente alta e tendiamo a non avvalorare lo scetticismo fine a se stesso.
Sebbene nel 90/95 % dei casi si tratti di IFO (Oggetti Volanti Identificati), quel 5/10 % rappresenta una mole importante di dati interessanti e inspiegabili.
Estrapolarne 1 sarebbe limitativo. Tuttavia, per quel che mi riguarda, l’ UFO del Belgio (1990), gli 11 UFO di Ciudad del Carmen… ma anche numerosi filmati NASA, continuano ad erigersi come cavalli di battaglia dell’Ufologia moderna.

La seria informazione Ufologica e il meglio dalla ricerca spaziale. Dal 2004