Debanklaire – Gli OVNI del male

“L’ufologia tra spleen e satira”
di
Alessandro Novelliillustrazioni Tiziano Farinacci

Signori,
la storia ha dell’incredibile,
ma visto che in ufologia l’incredibile e l’improbabile godono di una sorta di deroga e vengono spacciati per credibili, mi sono deciso a raccontarla, certo di qualche posto di rilievo in una conferenza autoreferenziale con moderatore Magalli.

D’altronde, ho capito come va il mondo, se un drogato ti chiede soldi per “comprare il biglietto” o fare “benza” lo mandi a cagare ma se ti chiede soldi per curare alieni feriti… stacchi l’assegno, gli dai qualche quadro di valore, magari anche casa…
Ma questa è un’altra storia, si chiama “Amicizia“, con la A maiuscola… come Ahiahiahi! Manco un po’ di vaselina pleiadiana…
Tornando a noi, ho rinvenuto in una sorpresa Kinder una mappa dove un panda sorridente, che abitava in un condominio di pinguini allegri, invitava ad unire i puntini per trovare un tesoro.
Ho triangolato le informazioni e decodificando un cerchio nel grano involontario fatto da un contadino in fuga dalle vespe (mandate dagli alieni) mi sono ritrovato in Vaticano. Inseguito da MIP (Men in purple) mi sono rifugiato nel box… nascosto dietro un fusto in Tetrapack di vino da messa (retroingegneria da Roswell insieme all’epilatore laser “Pelle di Grigio” della Cadey) ho scorto un alieno razza “Testa a punta” che sfilava dal paraurti della papamobile una pergamena, mentre Setun Cynar, ottimo contro il logorio della vita intergalattica, sullo sfondo, diceva a Sorgiovanni di chiudere i siti atomici ma soprattutto il gas finito di cucinare, visto che finora ha fatto piu’ morti. Un porporato della spelonca vaticana ha allungato le mani per ricevere la pergamena ed a quel punto ho avuto la genialata!
Ho urlato: “Arriva Abetotti!”.
Sono fuggiti tutti come gatti presi dal panico!
Ho raccolto la pergamena e sono fuggito anche io (fosse mai la mia una profezia che si autoavvera) scontrandomi con un tizio con una palla in mano (nessuna volgarità) che farfugliava parole tipo “Rotonda nuova e tonda, indice di stranezza/Mortegliano”.
Scusandomi e ribadendo che non avevo spicci, ho guadagnato l’uscita fingendomi un piastrellista vaticano con contratto a ritenuta d’acconto.
Questa è l’origine del documento, Baudelaire era solo un pupazzo in mano ai servizi segreti! Ripiegò sul tema della figa e sul mal di vivere del vizioso…
Come disse uno, andando a funghi già cotti sull’Etna, “La verità non si vende”.
Il seguace lo prese alla lettera e vendette solo baggianate, ma questa e’ un’altra storia, crostosa e sanguinolenta.
Ecco il testo originale, assaporate lo spleen ufologico, tra il credere e il sognare, l’eterno tiro alla fune tra il prendere atto della fuffa e il cavalcarla come una mignotta, che fa rima con pagnotta!

Alessandro Novelli
Sirio B, scala C

**********************************

Aggiornamento Dicembre 2015:
Pubblicazione stampata in tiratura limitata (50 copie) nel Marzo 2015 per colleghi, amici ed estimatori.
_____________________________________

Testi e immagini © IR – Tutti i diritti riservati
(riproduzioni fotografiche degradate ed utilizzate a fini educativi- Art.10 Convenzione di Berna)

[Per pubblicare gli articoli e le immagini presenti su ITALIANRESEARCH.it è necessario citare la fonte e l’autore].